Ciao Teofilo, leggendario pugile Cubano

c83b2e5b603d8baae7ed43111b2a1c5a-54965-d41d8cd98f00b204e9800998ecf8427eRicordo la scomparsa di Teofilo Stevenson, leggendario pugile Cubano, Medaglia d’oro a Monaco di Baviera 1972, Montreal 1976 e Mosca 1980 (non potè esserlo a Los Angeles 1984 a causa del contro-boicottaggio degli stati comunisti), Campione Mondiale dei Pesi Massimi nel 1974 e nel 1978 e dei Supermassimi nel 1986, Campione dei Pesi Massimi ai Giochi Panamericani del 1971, 1975 e 1979, vincitore di 302 incontri su 321.

Il suo avversario più difficile fu l’allenamento. “Il primo ostacolo è proprio l’allenamento, senza non si vince sul ring. E’ come all’università: se un ragazzo non si prepara, non passerà mai alcun esame”.

Il suo avversario mancato fu Muhammad Ali. Quel match rimase nell’immaginario degli appassionati di boxe perché Teofilo, paladino dello sport dilettantistico, si rifiutò di passare al professionismo: “I soldi non sono nulla confrontati all’amore di otto milioni di connazionali”.

Potrai pensarla come vuoi (dico politicamente) ma Teofilo è stato e rimarrà per sempre un esempio di sportivo vero.

Buona Notte Teofilo!

Foto da itasportpress.it

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>