27 Gennaio. Cancelliamo la parola “dimenticare”

Camera 360La giornata è una di quelle che ti piace “vivere”… il pallido sole di gennaio stempera un pò quell’aria frizzante che spinge a muoversi per riscaldarsi.

La giornata è una delle tante che si aspettano per tutto l’anno, che ti fanno sentire orgoglioso di avere la capacità e la voglia di non “dimenticare”. Non vedo l’ora di vestire i ragazzi, montare in macchina e cominciare quel “pellegrinaggio” così particolare che ogni anno, oggi, percorro ansiosamente con un groppo alla gola…

“Ricordo” quei fori che vedevo sui muri del palazzo di Via Tasso… “Risento” le urla che immaginavo in quel giorno alle Fosse Ardeatine… “Rivedo” i bambini su un treno che parte dalla Stazione Tiburtina…

Ringrazio mio padre che in un giorno come oggi, mi portò, per la prima volta, a Via Tasso, alle Fosse Ardeatine, al Ghetto…e con un nodo alla gola, le lacrime agli occhi, spero che questa giornata cominci a far germogliare nei miei figli quella stessa voglia di non “dimenticare” che mi accompagnerà finchè vivrò.

Non dimenticherò mai i miei occhi pieni di orrore e le mie orecchie piene di urla quando mio padre, dignitosamente e dolorosamente, cercava di spiegarmi gli errori dell’uomo… Oggi voglio solo il silenzio, un silenzio che renda sordi coloro che non riescono a cancellare la parola “dimenticare”.

Fotografie di Stefano Crivelli

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>